PATIENT EDUCATION

L'educazione del paziente in termini di patologia,
di comportamento corretto e di trattamento farmacologico.

È ormai una prassi consolidata per un infermiere che opera in una struttura reumatologica, provvedere con il paziente alla rilettura attenta della relazione clinica, prima della sua dimissione.
Questa semplice operazione appare propedeutica ad una migliore compliance ed aderenza allo schema di terapia proposto a domicilio. Il primo passo da compiere consiste nell’individuare dubbi, incomprensioni o perplessità da parte del paziente e/o del caregiver. Nulla deve essere lasciato alla libera interpretazione!
La graduale riduzione della posologia di alcuni farmaci rientra spesso fra gli schemi di trattamento di affezioni diverse.  Come realizzare in pratica questa direttiva apparentemente semplice può risultare tuttavia alquanto complicato per alcuni pazienti in assenza di direttive chiare ed esaurienti. Frammentare una compressa per assumerne gradatamente un dosaggio più basso, non è ad esempio una operazione semplice, soprattutto nei malati reumatici che presentano spesso una rilevante compromissione delle abilità prensili.
La Food and Drug Administration (FDA), l’ente governativo statunitense deputato al controllo dei farmaci e degli alimenti, ha recentemente pubblicato un articolo nel quale si sottolinea che è praticamente impossibile dividere una compressa in più parti uguali. Di conseguenza, ogni compressa frammentata avrà di certo un dosaggio differente da quello prescritto, o in eccesso o in difetto.
I pazienti vanno inoltre educarti a dividere una compressa alla volta e non tutte le compresse di una singola confezione nello stesso momento, come spesso capita per praticità o per perdere meno tempo!