PATIENT EDUCATION

L'educazione del paziente in termini di patologia,
di comportamento corretto e di trattamento farmacologico.

Sempre più pazienti con artrite ci chiedono consigli in merito al possibile ruolo della dieta per migliorare il proprio stato di salute. Nella maggior parte dei casi la risposta quasi scontata è quella di suggerire una alimentazione ricca di frutta, vegetali, pesce, frutta secca o, più in generale, una dieta mediterranea.

Anche se non ci sono evidenze consacrate sulla reale efficacia di questo tipo di consigli è del tutto giustificato esortare i pazienti con artrite a privilegiare una alimentazione ricca di pesce. Per quanto riguarda la quantità, di quest’ultimo si ritiene opportuno andare ben oltre le quattro once (poco più di un etto), due volte la settimana, consigliate dalla American Heart Association.

L’utilità degli acidi omega 3 nei pazienti con artrite è giustificata dal fatto che nei soggetti che hanno aggiunto olio di pesce alla dieta, si è registrata una riduzione della tumefazione articolare, del dolore e della rigidità mattutina. Alcuni di questi pazienti hanno potuto anche sospendere l’assunzione di antiinfiammatori non steroidei, senza che si registrasse una riacutizzazione della sintomatologia dolorosa.

(tratto da Arthritis Today “The Ultimate Arthritis Diet”)