Secondo uno studio della Duke University in via di pubblicazione sull’American Journal of Roentgenology, una frattura su tre si nasconde alla radiografia.
Per arrivare a questa affermazione, i ricercatori hanno esaminato circa 100 pazienti che, a seguito di un incidente, avevano ricevuto risultati rassicuranti dalla radiografia ma che sembravano non riprendersi da un trauma all’anca o al bacino.
Per saperne di più, gli studiosi hanno sottoposto i pazienti alla risonanza magnetica con risultati preoccupanti:

  • in 13 casi erano presenti una o più fratture non individuate con la radiografia;
  • in 15 casi, in cui era già stata individuata una frattura, era presente la rottura del bacino in altri punti; 
  • in 11 casi la risonanza smentiva il danno sospettato dalla radiografia.