NOTIZIE, AGGIORNAMENTI E MATERIALE UTILE

I commenti alle ultime notizie, le discussioni sul blog
link utili e altre rubriche in ambito reumatologico

Il tramadolo è un farmaco efficace nel trattamento del dolore nei pazienti con fibromialgia. La tollerabilità del farmaco a livello gastrico è generalmente buona anche se molti pazienti manifestano effetti collaterali soprattutto all’inizio del trattamento. Questi effetti collaterali sono molto spesso dipendenti dalla modalità di assunzione e dalla formulazione farmaceutica dei diversi prodotti disponibili.
E’ buona norma iniziare la somministrazioni di tramadolo con la formulazione in gocce che consente sia una personalizzazione adeguata dello schema di trattamento sia un incremento graduale della dose.
Il paziente va quindi informato che dovrebbe iniziare con non più di cinque gocce tre volte al giorno aumentando gradualmente la posologia ad intervalli orientativi di due/tre gocce ogni due/tre giorni fino a raggiungere la dose minima efficace o in alternativa la massima dose giornaliera di venti gocce, tre volte al giorno.
Il paziente dovrebbe essere informato in merito alla possibilità di comparsa di alcuni effetti collaterali che includono nausea, sensazione di ripienezza o di disturbo generalizzato del primo tratto dell’apparato gastroenterico invitandolo a non spaventarsi se questi disturbi compaiono.Tali effetti collaterali sono infatti reversibili e comunque vanno anticipati al paziente per la frequente possibilità di reazioni di allarme particolarmente rilevanti che comunque avvengono solo quando si è iniziato il trattamento con dosi relativamente elevate. Il limite principale dell’anticipare gli effetti collaterale al paziente può essere quello di generare un pregiudizio negativo nei confronti del farmaco ed indurre una sorta di riflesso condizionato.
Sarà quindi cura dell’infermiere quello di rassicurare il paziente focalizzando la sua attenzione sulla individualità della risposta al farmaco sia negli effetti utili che in quelli collaterali.
Con questo tipo di rassicurazione e con questo tipo di spiegazione si possono ridurre ragionevolmente le probabilità di comparsa degli effetti collaterali e in ogni caso ove mai questi compaiano, il paziente non svilupperà quelle reazioni di ansia/allarme che a volte con il tramadolo possono essere innescate vista la entità dei disturbi che il tramadolo può generare.