CLINIMETRIA

La clinimetria nella pratica clinica ha acquisito nel tempo
un ruolo sempre più importante.

Scale di valutazione e malattie reumatiche. F. Salaffi, A. Stancati 2001. Mattioli 1885

L'esaminatore deve valutare la presenza di dolorabilità e di tumefazione a livello delle articolazioni metacarpo-falangee, delle articolazioni interfalangee prossimali della mano, delle metatarso-falangee, delle spalle, dei gomiti, dei polsi, delle ginocchia, delle caviglie, delle articolazioni temporo-mandibolari e delle articolazioni sterno-claveari. Delle articolazioni coxofemorali e del rachide cervicale viene valutata ovviamente la presenza/assenza di dolorabilità con il movimento nel range fisiologico.


Clicca sull'immagine per ingrandirla