Le artriti croniche, se non prontamente ed adeguatamente trattate, presentano il maggior potenziale destruente e deformante a livello della mano. Non bisogna tuttavia dimenticare che anche l’artrosi può determinare alterazioni morfostrutturali di grado rilevante soprattutto a livello delle interfalangee distali e prossimali.

Vai all'articolo