Il forte e diffuso timore degli effetti collaterali dei cortisonici fa sì che l’errore più frequente nella gestione dei pazienti con polimialgia reumatica sia rappresentato dalla spontanea, anticipata sospensione del trattamento, una volta raggiunta la remissione clinica o una inopportuna accelerata autoriduzione della dose giornaliera.