In tutti i pazienti che iniziano una terapia cortisonica per la polimialgia reumatica si dovrebbe associare una congrua strategia di trattamento della osteoporosi indotta da cortisonici, che includa la somministrazione di bisfosfonati e vitamina D con un congruo apporto alimentare di calcio.

Questa misura si rende necessaria in considerazione del fatto che i cortisonici inducono una rapida e sistematica riduzione della massa ossea, che deve essere adeguatamente contrastata anche in rapporto all’età dei pazienti e ancor più se sono presenti altri fattori di rischio di osteoporosi.